Benvenuto “tanker”

Con una cerimonia “sobria, ma festosa” l’Aeronautica Militare ha accolto a Pratica di Mare il primo KC-767A, un mezzo “possente”, come l’ha definito il capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, gen. s.a. Giuseppe Bernardis, destinato a costituire il pilastro di un’unica ed eccezionale capacità di proiezione della componente aerea nazionale e NATO.

"Sei-due-due-due-nove”: è questo il numero di matricola del primo Boeing KC-767A dell’Aeronautica Militare.

Ritirato presso gli stabilimenti di Wichita, nel Kansas, il velivolo – primo dei quattro esemplari previsti dal programma tanker/transport – è stato consegnato il 27 gennaio sulla base di Pratica di Mare.

Presenti all’evento il gen.Bernardis e il presidente di Boeing Italia, l'ambasciatore Rinaldo Petrignani.

Il primo KC-767 sarà adesso sottoposto dall’Aeronautica Militare a una serie di prove e attività propedeutiche all’impiego operativo.

Per le Forze Armate italiane il nuovo KC-767 rappresenta il naturale sostituto del Boeing 707T/T (Tanker/Transport) ormai dismesso dopo essere stato largamente impiegato per il rifornimento in volo e il trasporto aereo strategico…

  

 

 


Per saperne di più puoi acquistare in edicola la "Rivista Aeronautica"
oppure sottoscrivere un abbonamento per riceverla direttamente a casa tua.