Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
1963
1963-1981
< Torna al periodo

Atterrano i primi "G91 PAN"

La formazione intanto si è ingrandita e la PAN si esibisce ora con 9 aeroplani.

Il 28 dicembre 1963, per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale, una pattuglia acrobatica italiana è equipaggiata con un velivolo da combattimento di concezione e produzione nazionali. E' il G91PAN, versione opportunamente modificata per addestramento acrobatico del caccia tattico leggero Fiat G.91.
Con il nuovo aeroplano le "Frecce Tricolori" mettono a punto due distinti programmi di volo - uno alto e uno basso, quest'ultimo adottato in caso di avverse condizioni metereologiche - nei quali sono inserite figuri celebri come il cardioide, il doppio tonneau, l'Arizona, la bomba e l'Apollo 313.

Nonostante la configurazione aerodinamica non sono molto dissimile da quella del Sabre,  il programma di esibizione con i G91PAN risulta più aggressivo e si sviluppa in spazi più ridotti, a beneficio del pubblico.
Veloce ma molto maneggevole, come si conviene ad un caccia tattico leggero, il "novantuno" fa della presentazione delle Frecce Tricolori una kermesse straordinaria, nonché motivo di ritrovato orgoglio per l'industria nautica nazionale.

In 18 anni di attività con il 313°, sono centinaia di migliaia le persone che, in Italia all'estero, hanno avuto la fortuna di ammirare i G91 delle "Frecce Tricolori" nella loro consueta formazione di 9+1, con il decimo velivolo con funzioni di solista, "figura" introdotto a partire dalla stagione 1966.

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.