Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
01/01/1958
1958

Pattuglia di riserva per 1957 sono Diavoli Rossi della 6ªAerobrigata, destinate a scrivere pagine importanti della tradizione italiana dell'acrobazia aerea collettiva.
Il velivolo in dotazione è il possente cacciabombardiere F-84F Thunderstreak, mentre la denominazione della pattuglia, "titolare" a partire dalla stagione 1958, richiama distintivo della 6ªAerobrigata. Inizialmente i "Diavoli Rossi" volano con una formazione di quattro aeroplani, che presto diventano sei con l'ultimo F-84F "fanalino" che fa da "solista" per catturare l'attenzione del pubblico durante l'assenza della formazione sul cielo campo.

E' con questa pattuglia che la figura della "bomba", già nel repertorio delle nostre formazioni acrobatiche, viene eseguita per la prima volta verso il basso. In una competizione riservata alle pattuglie acrobatiche della NATO in Olanda, i "Diavoli Rossi" si classificano primo posto, battendo le formazioni di Belgio, Gran Bretagna, Grecia, Portogallo Stati Uniti e Turchia.

Per la stagione 1959 l'Aeronautica ha a disposizione ben tre pattuglie: "titolare" sono i "Lanceri Neri" (riserva nel 1958) della 2ªAerobrigata che volano prima con quattro e quindi con sei F-86E, mentre come "riserva" ci sono i "Getti Tonanti" della 5ªAerobrigata, ora su F-84F. Quindi ci sono i "Diavoli Rossi"!

Oltre a essere la prima formazione acrobatica italiana esibirsi nel Regno Unito, i "Lanceri Neri" si rendono protagonisti di una missione storica, portandosi in volo in Iran su invito dello Scià di Persia. Memorabile, nello stesso anno, è la tournée dei piloti dei "Diavoli Rossi" negli Stati Uniti.

Gli F-84F messi a disposizione dall'USAF montano un turbogetto leggermente meno potente, ma ai comandi dei piloti italiani nessuno se ne accorge! Si trova anche il tempo di applicare le coccarde tricolori e le insegne dei "Diavoli Rossi".

Quello dei getti tonanti è un altro grande ritorno, per giunta in un anno particolare, il 1960, quelle delle Olimpiadi di Roma, con tutto il mondo che guarda, ammirato, al nostro paese.

I "Getti Tonanti" ora volano con gli F-84F che sfoggiano una livrea olimpica con colori sgargianti e i cinque anelli olimpici sulla deriva. La formazione è di sei aeroplani con il fanalino che si separa dalla pattuglia. Figure di rilievo, nel programma dei "Getti Tonanti", sono il doppio tonneau e la "bomba" che, secondo la tradizione della 5ªAerobrigata, è effettuata verso l'alto con il successivo incrocio a bassissima quota.

Manovre complesse, ma altrettanto altamente spettacololari, tutt'ora nel repertorio della PAN. Altro ritorno è quello degli F-86E della "Cavallino Rampante" che, per il 1960, fanno da riserva. Nel frattempo però sulla scorta delle esperienze maturate e allo scopo di razionalizzare l'impiego sia delle risorse umane sia dei velivoli, l'Aeronautica Militare decide di interrompere la pratica di assegnare a rotazione tra le varie Aerobrigate il compito di costituire la pattuglia acrobatica titolare e di riserva.

Sta per nascere, a Rivolto, il 313°Gruppo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.