Difesa: l'Italia partecipa ufficialmente all'EATC



11/01/2016 - ​​​​​​Domani, martedì 12 gennaio avrà luogo formalmente il passaggio di gran parte della flotta dei velivoli da trasporto, rifornimento in volo ed evacuazione medica dell'Aeronautica Militare italiana sotto il controllo operativo del Comando Europeo per il Trasporto Aereo (European Air Transport Command – EATC), il comando multinazionale che dal 2010 gestisce ed impiega i velivoli messi a disposizione dai Paesi che aderiscono a questa iniziativa europea.

 

 

 

L'ingresso dell'Italia nell'EATC è avvenuto ufficialmente il 4 dicembre 2014 a seguito della sottoscrizione da parte del Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, alla presenza del Ministro della Difesa Roberta Pinotti, del documento che ha sancito l'adesione dell'Italia all'accordo a cui partecipano Francia, Germania, Olanda, Belgio, Lussemburgo e Spagna.

 

 

L'Aeronautica Militare, effettuerà il "trasferimento di autorità" all'EATC di 31 velivoli tra C-27J, C-130J e KC-767A, appartenenti alla 46^ Brigata Aerea di Pisa e al 14° Stormo di Pratica di Mare, dipendenti dal Comando delle Forze di Supporto e Speciali del Comando della Squadra Aerea dell'Aeronautica Militare, con la possibilità di riassumere il controllo dei velivoli, qualora si rendesse necessario per le esigenze nazionali, grazie al previsto meccanismo di revoca del trasferimento di autorità (Revoke Transfer of Authority).

 

 

Il Comando Europeo per il Trasporto Aereo, situato ad Eindhoven (NL), si può inquadrare nell'ambito della Politica di Sicurezza e di Difesa Comune e rappresenta un modello di riferimento senza precedenti, perché consente di applicare il concetto di 'pooling & sharing' al settore del trasporto aereo militare. Tale concetto nasce con lo scopo di migliorare e ottimizzare la gestione delle risorse disponibili, grazie alla standardizzazione delle procedure ed all'impiego di una flotta comune più vasta di quelle dei singoli paesi, consentendo notevoli risparmi anche sul fronte finanziario.

 

 

L'adesione italiana all'EATC rappresenta un risultato tangibile che valorizza le capacità di trasporto aereo militare e rifornimento in volo nazionale -in particolar modo quelle d'eccellenza - quali il trasporto in alto bio-contenimento - "trasformandole" in crediti esigibili con vettori di altre nazioni europee partecipanti. Tutto ciò assicura una maggiore flessibilità operativa e il contenimento dei costi, riducendo la necessità di ricorrere all'outsourcing tramite ad esempio velivoli commerciali nei casi di indisponibilità di idonei vettori nazionali.

 

Sarà possibile quindi accedere a capacità di trasporto oversize (ossia di carichi eccezionali), assicurare maggiore corrispondenza tra tipo di velivolo e caratteristiche della richiesta di trasporto, con un sostanziale miglioramento del rapporto costo-efficacia nell'intero settore.

 

Leggi la notizia sul sito ufficiale dell'EATC

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Fonte: Ufficio Generale per la Comunicazione - Roma
Autore : Ufficio Pubblica Informazione