Villadei qualificato Soyuz Flight Engineer avanzato



13/10/2015 - ​Il Tenente Colonnello Walter Villadei ha completato lo scorso 8 ottobre la fase avanzata di addestramento presso il Gagarin Cosmonaut Training Centre di Star City, Russia. L’Ufficiale ha conseguito la qualifica di Soyuz Flight Engineer n.1 e quella avanzata sui sistemi russi utilizzati per le attività Extraveicolari (EVA) e della Stazione Spaziale Internazionale, il principale laboratorio spaziale in condizioni di microgravità.

 


L’addestramento, durato complessivamente un anno e mezzo, rappresenta una specializzazione sui sistemi della Soyuz. L’ingegnere di bordo è il membro dell’equipaggio che affianca il Comandante della Soyuz durante tutte le fasi di volo e soprattutto, in caso di emergenza, è responsabile dell’analisi dei sistemi di bordo. La Soyuz continua ad essere l’unico mezzo attualmente operativo per trasportare equipaggi da e verso la Stazione Spaziale Internazionale con lancio dalla base di  Baikonour, in Kazakhstan.


La qualifica per le attività extraveicolari (EVA) consente di acquisire le necessarie abilità a svolgere attività all’esterno della Stazione, anche nel caso di eventi imprevisti che richiedano manutenzione straordinaria. I sistemi russi per le attività extraveicolari, denominati Orlan, forniscono all’astronauta tutto il necessario supporto alle funzioni vitali fino a 10 ore.


Venerdì 9 ottobre, l’Ufficiale ha anche incontrato l’Ambasciatore Italiano a Mosca, Cesare Ragaglini, alla presenza dell’Addetto per la Difesa Generale Fogari. Un lungo ed interessante incontro durante il quale sono state condivise le fasi del percorso addestrativo appena ultimato ed è stato evidenziato come l’esplorazione umana dello spazio sia una dimensione di cooperazione ed integrazione quasi unica, come dimostra la  partecipazione di Russia e Stati Uniti oltre a Giappone ed Europea.


Il Tenente Colonnello Villadei è il primo italiano ad aver effettuato il corso da cosmonauta in Russia. Per effetto del completamento della fase avanzata è pronto per una eventuale prossima assegnazione ad un’opportunità di volo, quale ottavo astronauta.


Le competenze acquisite dall’Aeronautica Militare nel volo umano spaziale sono al servizio del Paese, anche per elaborare proposte di sperimentazione da effettuare a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), con la collaborazione di Università, Enti di Ricerca ed Industrie.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Fonte: III Reparto - Pianificazione dello Strumento Aerospaziale
Autore : 3° Ufficio "Politica Spaziale Aeronautica"