Tornado IDS/IT-ECR
 
Il Tornado è un velivolo da combattimento bireattore, biposto, con ala a geometria variabile e capacità ognitempo che l’Aeronautica Militare ha acquisito a partire dal 1982. Tramontato il rischio di un confronto militare globale, la probabilità di utilizzare un velivolo come il Tornado, la cui efficacia è stata accresciuta dall’acquisizione di sistemi d’arma d’avanguardia, riguarda essenzialmente le cosiddette “operazioni di risposta alle crisi”, interventi cioè nelle fasi più virulente di un confronto militare con lo scopo di attivare il processo di progressiva stabilizzazione, di svolgere quell’azione di deterrenza che permettono, insieme, di garantire, dal cielo, la sicurezza delle forze di superficie e di spegnere, sul nascere, possibili “ritorni di fiamma”. Il ruolo di questi velivoli va quindi inquadrato unicamente con finalità strumentali alla vocazione pacifica del nostro Paese. Nella versione standard IDS (Interdiction Strike), in dotazione al 6° Stormo di Ghedi (Brescia), il Tornado può essere impiegato come cacciabombardiere e ricognitore. Il 50° Stormo di Piacenza, invece, è equipaggiato con la variante IT-ECR (Electronic Combat Reconnaissance), specializzata nella soppressione delle difese aeree avversarie mediante l’impiego di missili aria-superficie AGM-88 HARM.

 

Caratteristiche tecniche:

 

Apertura alare min./max 13,91/8,60 m - lunghezza 16,70 m - altezza 5,95 m - peso massimo al decollo 28.000 kg - impianto propulsivo due turbofan Turbo Union RB.199 Mk.103 da 7.260 kg/s con postbruciatore - velocità massima a bassa quota circa 1.480 km/h (1,2 mach) - tangenza 15.000 m - autonomia 3.800 km (trasferimento) - equipaggio 1 pilota, 1 navigatore - armamento: 2 cannoni cal. 27 mm (1 su IT-ECR), fino a 9.000 kg di carichi esterni (serbatoi ausiliari, pod da ricognizione e designazione bersagli, missili aria-aria AIM-9L Sidewinder, ecc.).

 

ENGLISH VERSION

 

The Tornado is a twin-engine combat aircraft, two-seat, with variable-sweep wings and all-weather capabilities which the Italian Air Force has achieved since 1982. With the end of the threat of a global military war, the chance to use an aircraft such as the Tornado, the effectiveness of which has been enhanced with the acquisition of advanced weapon systems, is essentially for the so called 'crisis response operations'. These are operations conducted during the most venomous phases of a military fight with the aim to activate a process of gradual stabilization, develop the action of deterrence which allow, together, to ensure, from the sky, the safety of land forces and nip in the bud any possible 'backfire'. The role of these aircraft must be framed with instrumental aims within the peaceful vocation of our country. In the IDS (Interdiction Strike) version, in service at the 6th Wing in Ghedi (Brescia), the Tornado can be employed as fighter bomber and reconnaissance aircraft. The 50th Wing in Piacenza, instead, is equipped with the IT-ECR (Electronic Combat Reconnaissance) version, specialized in the suppression of enemy air defense through the use of air-surface missiles AGM-88 HARM.

 

Technical data:

 

Wingspan min./max 13,91 (45ft 64in) / 8,60 m (28ft 22in) - length 16,70 m (54ft 79in) - height  5,95 m (19ft 52in)  - maximum mass (take-off) 28.000 kg (61,729 lb) - powerplants: 2 Turbo Union RB.199 Mk.103 turbofan of 7.260 kg (16,000 lb)/s with afterburner - maximum speed at low altitude about 1.480 km (919 miles)/h (Mach 1.2) - service ceiling 15.000 m (49,212ft) - operational range of transfer 3.800 km (2,361 miles) - crew: 1 pilot, 1 navigator - armament: 2 cannons cal. 27 mm (1 on IT-ECR), up to a 9.000 kg (19,841 lb) of external loads (external fuel tanks, reconnaissance pod and target designator, air-to-air missiles AIM-9L Sidewinder).