C-130J Hercules II
Quadriturbina da trasporto idoneo anche a missioni di aviolancio di paracadutisti e materiali, il C-130J Hercules II è in servizio dal 2000 nella versione standard e “allungata” (C-130J-30). Impiegato dalla 46^ Brigata Aerea di Pisa, questo velivolo costituisce oggi l'ossatura della componente da trasporto dell'Aeronautica Militare che è cresciuta in modo esponenziale per i mutati compiti delle Forze Armate del nostro Paese che hanno visto nell'impiego fuori dai confini nazionali la naturale proiezione della loro missione al servizio della difesa e della sicurezza. Il maggiore impegno quotidiano dei C-130J Hercules è la rete di collegamenti aerei che fa da "trait d'union" con i teatri operativi "fuori area" più importanti, in presenza di minaccia e di notte, effettuando spesso atterraggi e decolli d'assalto da piste semipreparate e di ridotte dimensioni anche al massimo delle sue prestazioni. La disponibilità di un vettore come il C-130J ha consentito anche di acquisire speciali equipaggiamenti, di grande utilità non solo per la compagine militare. E’ il caso della speciale barella ATI (Aircraft Transport Isolator) che consente il trasporto in sicurezza per via aerea di pazienti biocontaminati in vista del loro successivo ricovero presso strutture ospedaliere specializzate.

 

Caratteristiche tecniche:

 

Apertura alare 40,41 m - lunghezza 29,79/34,37* m - altezza 11,84/11,81* m - peso massimo al decollo 79.380 kg - carburante imbarcabile 20.819 kg - impianto propulsivo quattro turboelica Rolls-Royce (Allison) AE2100D3 da 4.700 sHP - velocità massima 645 km/h - tangenza 9.315 m (al peso di 66.680 kg) - autonomia 5.250 km (con 18.144 kg di carico) - equipaggio 2 piloti, 1 addetto carico e lancio, 92/128* soldati o 76/112* paracadutisti. *C-130J-30

 

ENGLISH VERSION

 

Four-engine transport aircraft able also for airdrop of parachutists and materials, the C-130J Hercules II has been in service since 2000 in the standard and ‘extended fuselage’ version (C-130J-30). Employed by the 46th Air Brigade in Pisa, this aircraft represents today the skeleton of the transport component of the Italian Air Force which has grown exponentially in the last years due to the changed tasks of the Armed Forces of our country which have seen in the out of area employment the natural projection of their mission in the service of defense and security. The major daily commitment of the C-130J Hercules remains the network of air connections which is the link to the most important ‘out of area’ operational theatres, in the presence of a threat and at night, executing often assault landing and take-off from semi-prepared and small dimension runways, also at maximum of its performances. The availability of an aircraft such as the C-130J has allowed also to acquire special equipment, useful not only for the military structure. It is the case of the special stretcher ATI (Aircraft Transport Isolator) which allows a safe transport via air of bio-contaminated patients for their next hospitalization in special medical structures.

 

Technical data:

 

Wingspan 40,41 m (132ft 58in) - length 29,79/34,37* m (97ft 74in/112ft 76in*) - height 11,84/11,81* m (38ft 85in/38ft 75in*) - maximum mass (take-off) 79.380 kg (175,002 lb) – fuel on board 20.819 kg (45,898 lb) - powerplants: 4 Rolls-Royce (Allison) AE2100D3 turbofan of 4.700 sHP - maximum speed 645 km (400 miles)/h - service ceiling  9.315 m (2,116ft) (with the weight of 66.680 kg /147,004 lb)  - operational range 5.250 km (3,262 miles) (with 18.144 kg/40,000 lb of load) – crew: 2 pilots, 1 load and launch master, 92/128* soldiers or 76/112* parachutists. * C-130J-30